Intervistiamo il CEO di GV Filtri Industriali Marco Vicentini, parliamo di filtri temporanei a cono, un prodotto che sta funzionando molto bene, ecco perché:

In quali settori si usano i filtri temporanei a cono?

I Filtri temporanei possono essere utilizzati in molti settori, nelle industrie chimiche e petrolchimiche, nelle raffinerie, nelle centrali elettriche. Sono efficaci per chi produce pompe e turbine e per tutte quelle aziende che hanno linee di processo con fluidi sia allo stato liquido sia gassoso

 

Quali sono i vantaggi dei filtri temporanei a cono?

Questi filtri, conosciuti anche come filtri a cono o a cappello di strega, sono utilizzati per la stragrande maggioranza nelle fasi di avviamento degli impianti che rimuovono solidi indesiderati dal flusso di processo.

Possono essere scorie di saldatura, per esempio, oppure pezzi di legno, sigarette, rocce. Se questi detriti non vengono fermati e passano nel processo, possono compromettere il corretto funzionamento di turbine o pompe, valvole o flussimetri o qualsiasi parte dell’impianto suscettibile ai solidi

 

Cosa si deve sapere del filtro temporaneo a cono?

Il filtro temporaneo, come lascia intendere il nome, viene montato in fase di avviamento e in seguito viene rimosso o viene rimossa la rete filtrante più fine per continuare a proteggere la linea ma limitando le perdite di carico. Può anche essere utilizzato in maniera permanente ma in questo caso vanno presi accorgimenti per la realizzazione che ne garantiscano la durata.

Importante da considerare prima della sua installazione per calcolare perfettamente le dimensioni del filtro temporaneo sono:

* I materiali di costruzione del filtro temporaneo a cono devono essere compatibili con il fluido di processo. Le nostre costruzione standard sono in acciaio inox AISI304 o 316 ma ne abbiamo realizzati a possiamo realizzarli anche in acciaio al carbonio, Monel 400, Inconel 625/825, Hastelloy C22/ C276.

* Pressione e temperatura del processo. Se un filtro non è in grado di sopportare alte temperature o pressioni differenziali, potrebbe danneggiarsi e causare danni alle apparecchiature. Se mal dimensionato la caduta di pressione attraverso il filtro può causare problemi al processo facendo scendere la pressione sotto il livello minimo richiesto della linea.

* Grado di filtrazione e dimensioni del filtro.
Il filtro dovrebbe essere leggermente più piccolo del più piccolo pezzo di detrito che si prevede di trovare o secondo le indicazioni fornite dal costruttore dell’apparecchiatura da proteggere.

* Possibilità di rimuovere facilmente il filtro. Prevedere di aggiungere una tubazione dedicata al filtro è sempre la cosa migliore per agevolare il processo di manutenzione.

* Deve essere chiara la funzione che deve svolgere. Se non si tratta di un componente temporaneo deve essere progettato e realizzato per avere una vita più lunga. In ogni caso noi consigliamo di utilizzare filtri a cestello ad Y o a Tee per installazioni permanenti.

Il filtro a cono temporaneo può essere installato in 2 configurazioni diverse, punta verso il flusso o al contrario.

Questa scelta deve essere fatta a monte per definire in modo corretto le sollecitazioni che riceverà il filtro e valutare il tipo di struttura che dovrà avere per garantirne il funzionamento.

 

Perché scegliere la GV Filtri per la produzione di un filtro temporaneo a cono?

La GV Filtri Industriali vanta una lunga esperienza nel design e nella costruzione dei filtri temporanei a cono, abbiamo maturato negli anni l’esperienza sul campo che ci permette di definire dettagliatamente le perdite di carico del filtro ed inoltre abbiamo sviluppato alcune tecnologie di saldatura per migliorare sempre di più la resistenza meccanica della rete filtrante.

Ogni filtro a cono temporaneo può essere realizzato secondo un nostro standard interno o secondo le specifiche esigenze del cliente.

 

Saldatura rete su cono temporaneo

Montaggio rete filtrante su cono temporaneo

 

Ingrandimento rete elettrosaldata 150 micron

2313 View